Prowinter 2015 alla fiera di Bolzano

È certamente la sicurezza una delle tematiche di maggiore importanza affrontate da Prowinter, l’unica fiera b2b dedicata al noleggio e ai servizi per gli sport invernali, in programma dal 9 all’11 aprile 2015 a Fiera Bolzano.

“Trattandosi di una kermesse che dedica ampia attenzione allo scialpinismo, fenomeno che da anni è interessato da una crescita inarrestabile – ha dichiarato Gernot Rössler, presidente di Fiera Bolzano – non potevamo prescindere dal riservare un’area espositiva ai produttori e alle associazioni impegnate a garantire la sicurezza sia in pista che fuori pista”.
Del resto, un’adeguata conoscenza delle tecniche e degli strumenti utili a prevenire i rischi e a fare fronte alle situazioni di pericolo in cui ci si può imbattere è fondamentale per poter affrontare la montagna, soprattutto nella stagione invernale.

“Spesso – ci racconta Egidio Bonapace, Presidente Accademia della Montagna – si rileva una overconfidence, soprattutto tra chi frequenta maggiormente la montagna, ovvero una percezione non adeguata del rischio. Per questo – prosegue – è davvero importante lavorare fortemente sulla prevenzione, cosa che noi facciamo con serate informative sul territorio, organizzate dal tavolo della montagna sulla sicurezza che vede impegnati il Soccorso Alpino, le guide alpine, la Sat, i gestori di rifugio e l'Accademia stessa. In questa direzione, tra l'altro, per merito delle guide alpine, è stato creato Nivolab, uno strumento – presentato in anteprima proprio nel corso dell’ultima edizione di Prowinter – che, a partire dalla situazione meteo e dalla posizione dell’escursione, offre un quadro più puntuale del rischio e una valutazione ambientale attraverso l’inserimento di dati legati all’osservazione diretta della situazione”.

“Uno strumento realizzato inizialmente su un modello cartaceo – aggiunge Martino Peterlongo, Presidente delle Guide Alpine del Trentino – che da qualche mese è stato sviluppato anche sotto forma di App. Digitalizzazione "user friendly" che è piaciuta tanto da essere stata scaricata gratuitamente da oltre 2.000 utenti ad oggi, segno che c’è sempre maggiore consapevolezza dell’importanza di dotarsi di strumenti adeguati prima di affrontare la montagna. Ma ovviamente non basta. È necessario – prosegue – seguire sempre le regole di buon comportamento, evitare atteggiamenti pericolosi e affidarsi, se necessario, all’esperienza dei professionisti, come le guide alpine, prima di affrontare tali tipi di attività”.

Va detto che il numero di scialpinisti che si affaccia al fuori pista è in costante aumento benché per molti il background di esperienza sia ancorato ad attività su terreni sportivi o monitorati come, a semplice titolo di esempio, gli allenamenti a bordo pista o i raduni di scialpinismo. Quando ci si sposta fuori dalle piste o dai bordi dell’area sciabile, è ovvio che il terreno di gioco cambia completamente ed una adeguata esperienza e formazione sono indispensabili per evitare gli incidenti.

Per gli enti istituzionali è dunque indispensabile lavorare nel lungo periodo al fine di attuare una vera e propria trasformazione culturale che possa contenere gli incidenti in montagna legati ad atteggiamenti superficiali. Rimane fondamentale, inoltre, attrezzarsi adeguatamente con Arva, pala e sonda – il kit necessario per essere ritrovati in tempi rapidi dai propri compagni nel caso in cui si dovesse essere vittime di incidenti valanghivi.

La sicurezza non è un tema che interessa solo scialpinisti o freerider ma è altrettanto importante in pista. E sono tante le aziende che operano al fine di garantirla e che interverranno a Prowinter per mostrare le ultime evoluzioni del settore. Tra queste, Liski è una realtà che vanta oltre 40 anni di esperienza, tanto da essere scelta anche ai prossimi mondiali di Vail Beaver Creek. Realizza reti di delimitazione e sicurezza, puntali e tubi per i pali slalom e nuovi teli GS e DH arancio fluo. Tra i prodotti di punta, il sistema di protezione “tipo A” con pali “Pro”, installati anche a Sochi, completamente realizzati con materiale COR-TEN che aumenta sia la resistenza meccanica sia la protezione alla corrosione rispetto ad un normale acciaio.

Tuttavia, anche in presenza delle migliori protezioni è necessario che chi approccia la montagna lo faccia con un’adeguata preparazione fisica, rispettando il “codice della strada”, informandosi sulla dislocazione e difficoltà delle piste che intende affrontare e dotandosi di un’attrezzatura adeguata. Poche semplici regole che, se rispettate, consentono a tutti di vivere a pieno la bellezza della montagna senza mettere in rischio né la propria incolumità né quella altrui.

Fondamentale, in questo senso, il ruolo di FISPS – Federazione Italiana Sicurezza Piste Sci -, tra gli espositori in fiera, che oltre al primo soccorso si occupa anche di sicurezza, collaborando con i direttori di stazione pattugliando le piste, per controllare che queste siano sempre in ordine, verificando le condizioni delle piste stesse, la palinatura di demarcazione, la cartellonistica e le protezioni. “Oltre alla prevenzione degli incidenti, quando questi (purtroppo) avvengono, i pattugliatori FISPS – specifica Marco Gaffuri, direttore della scuola nazionale FISPS e medico radiologo dell'Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo – intervengono applicando le procedure del 118, grazie alla loro formazione tecnica e sanitaria di alto livello, con il trattamento delle lesioni più semplici fino alla rianimazione cardio-polomonare. La presenza di operatori perfettamente preparati ed equipaggiati, sia sotto l’aspetto sanitario che tecnico, è sempre più indispensabile sulle piste da sci al fine di garantire a tutti gli sciatori un servizio di assistenza e soccorso assimilabile a quello disponibile su strada o in città. Oltre ad essere in grado di trattare tutti gli sciatori con traumi ed il loro trasporto a valle, con il mezzo più opportuno in totale sicurezza, i pattugliatori della Federazione sono formati ed abilitati all’uso del defibrillatore (DAE), apparecchio indispensabile nei primi minuti di arresto cardio circolatorio".

PROWINTER 2015
– Data di svolgimento: dal 9 al 11 aprile 2015
– Orari di apertura: giovedì e venerdì dalle ore 9.00 alle ore 18.00
– sabato dalle ore 9.00 alle ore 17.00
– Ingresso: riservato agli operatori
– Costo del biglietto: 15 euro; 8 euro con pre-registrazione online
 

Postato il Categorie Le novità del mondo Outdoor

Prowinter 2015 alla fiera di Bolzano

Fiera Bolzano


Outdoortest.it è una guida all'acquisto di attrezzatura sportiva per l'outdoor che nasce dall'esperienza di professionisti del mondo dello sport.

Iscriviti alla nostra newsletter


Hai un negozio?

Seguici su

Altracom s.a.s. di Alfredo Tradati - via Buonarroti 77 I-20063 Cernusco s/N (MI) - P.IVA 05019050961 - info@altracom.eu - Note Legali - Privacy Policy

Aiutaci a migliorare Outdoortest

La tua opinione conta.

Ti chiediamo di aiutarci a migliorare il nostro sito e i suoi contenuti,
rispondendo a qualche semplice domanda. 

VAI ALLE DOMANDE

Pin It on Pinterest

Share This