outdoortest.it GUIDA ALL'ACQUISTO DEI TUOI ATTREZZI SPORTIVI
OUTDOORTEST

TORNA AL MAGAZINE

Parliamo di calzature: cos’è la rullata del piede?

Il movimento fisiologico del piede e l'influenza delle scarpe che indossiamo

Scritto il
da Valentina d'Angella

Ci sediamo, calziamo la scarpa nuova, e poi ci alziamo e proviamo a fare due passi. Scegliamo così solitamente le calzature: le testiamo cioè, per capire se sono della misura giusta, se sono comode, se assecondano la camminata. Tra gli aspetti da valutare c’è sicuramente la rullata del piede: ma che cos’è esattamente? Le scarpe devono interferire con il movimento del piede? L’abbiamo chiesto ad Alfredo Tradati.

 

“La rullata fisiologica del piede nudo è il nostro meccanismo di deambulazione che avviene per prima cosa con l’appoggio del tallone, poi con il rotolamento sulla parte centrale del piede e infine con lo stacco delle dita e della punta. Come una sedia a dondolo che si muove in avanti e ci spinge.

Ogni scarpa dovrebbe favorire o cercare di interferire il meno possibile con questo tipo di azione, ma inevitabilmente la calzatura interviene sulla rullata del piede: dalle Fivefingers, che fotocopiano il piede lasciandogli piena libertà di esprimersi, fino a scuole e tomaie più strutturate, che fanno perdere man mano la naturalezza del gesto.

Le case produttrici si ingegnano nello studio dei materiali, nel costruire tomaie e compound suola (cioè battistrada, intersuola, sottopiede di montaggio, tutte le parti insomma che compongono la cosiddetta suola) con una forma particolare, per dare risposte torsionali elastiche che assecondino la biomeccanica del piede.

Ogni tipologia di scarpa viene studiata compenetrando questa esigenza con l’uso specifico a cui è rivolta. Per esempio le calzature da alpinismo e trekking da alta quota sono sicuramente tra le più rigide, in risposta alle particolari necessità delle attività per cui vengono utilizzate. E proprio per via della loro rigidità tendono a spezzare il meccanismo della rullata: quando appoggi il tallone infatti, hai un primo colpo, poi un momento di latenza fino a quando vai a sbattere con la pianta del piede, quindi la flessione in punta consente di uscire dal passo in modo più dinamico. Però questo spezzare l’azione crea molte vibrazioni.

Più la scarpa è rigida più è potenzialmente dannosa per la struttura ossea e articolare della persona, perché queste vibrazioni ripetute per migliaia di passi comportano grande stress alla colonna vertebrale e alle ginocchia. Quindi quando acquistiamo una calzatura dobbiamo valutarla anche dal punto di vista del comfort: che non significa solo piacere della calzata, ma anche un adeguato movimento, per esempio appunto, nella rullata”.


Potrebbero interessarti anche

Campeggio invernale

Consigli pratici per rendere più confortevole il campeggio invernale: attrezzatura necessaria e come stare al caldo

Potrebbero interessarti questi prodotti

Mystery Client 300 600

Altracom s.a.s. di Alfredo Tradati - via Buonarroti 77 I-20063 Cernusco s/N (MI) - P.IVA 05019050961 - info@altracom.eu - Outdoortest.it è una testata giornalistica registrata con Aut.Trib.di Milano n. 127/2020. Direttore Responsabile: Alfredo Tradati

Made by

Pin It on Pinterest