outdoortest.it GUIDA ALL'ACQUISTO DEI TUOI ATTREZZI SPORTIVI
OUTDOORTEST

Una nuova stagione in pista, perché fare manutenzione?

Usura e deferomazioni degli sci, costi e ragioni della manutenzione

Primi fiocchi bianchi dell’inverno, aprono gli impianti delle stazioni sciistiche, si avvicinano le vacanze di Natale e sale la voglia di rimettere gli sci ai piedi. Ma la nostra attrezzatura è pronta a ricominciare a sciare? Perché serve fare manutenzione agli sci? Lo abbiamo chiesto a Stefano Zamboni, titolare di “Technics – sport & ski service”, il laboratorio di Villa Carcina (Brescia) referenziato nel 2015 e nel 2016 dall’azienda Wintersteiger, relativamente ai macchinari di ultimissima generazione per la preparazione degli sci destinati alle competizioni.

 
“Lo sci è soggetto all’usura nell’utilizzo, così come avviene per l’automobile e qualsiasi altro attrezzo. Per questo è necessario effettuare una manutenzione per mantenere l’attrezzatura in buone condizioni, in modo che mantenga le sue caratteristiche originali e garantisca un certo standard di sicurezza.

Con l’uso, infatti, si usurano i materiali che compongono gli sci. Senza contare che, essendo sottoposto a sollecitazioni, urti e pressioni, nel tempo lo sci si deforma.

Se utilizziamo degli sci di buona qualità, con l’anima in legno, dobbiamo tenere presente che anche questo legno si deformerà. Il legno è un elemento vivo, che subisce gli sbalzi di temperatura, l’umidità dell’ambiente in cui lo si conserva per mesi, l’essiccazione naturale. Succede allo sci quello che di solito avviene con il parquet, per esempio: alcune assi del pavimento si deformano, si gonfiano o si muovono leggermente in funzione delle stagioni.

La classica manutenzione di inizio stagione quindi, è un’operazione di fondamentale importanza perché garantisce la verifica dell’attrezzatura e quindi una sciata in sicurezza e con divertimento. Le due cose, possiamo dire, sono consecutive: se sciamo in sicurezza ci godiamo anche tutto il resto e quindi ci divertiamo.

I costi della manutenzione poi non sono particolarmente onerosi: possono andare dai 25 ai 40 euro, almeno per quanto riguarda gli sci degli sciatori amatoriali. La cifra varia moltissimo in funzione della tecnologia di cui dispone il laboratorio e anche dei materiali usati. Per esempio se si utilizzano scioline di particolare qualità i costi saranno più alti rispetto a una di minore qualità”.


Potrebbero interessarti anche

Potrebbero interessarti questi prodotti

Altracom s.a.s. di Alfredo Tradati – via Buonarroti 77 I-20063 Cernusco s/N (MI) – P.IVA 05019050961 – info@altracom.eu

Made by

Pin It on Pinterest

Ti piace?

Condividilo con i tuoi amici!

Ti piace sciare e sei curioso di provare sempre nuovi prodotti?
Questo annuncio è per te!

Per il suo programma di indagini qualitative segrete presso una delle catene di noleggio sci più prestigiose in Italia, Outdoortest ricerca sciatrici/sciatori di ogni livello (anche principianti), purché motivati, precisi e… discreti, cui affidare il compito di svolgere un’esperienza di noleggio sci presso uno o più centri del marchio, realizzando un report di valutazione finale.

Scopri come partecipare qui