GUIDA ALL'ACQUISTO DEI TUOI ATTREZZI SPORTIVI
Dynafit
OUTDOORTEST

“Care località sciistiche…” lettera aperta di una giovane sportiva

Giovani e montagna, proposte e idee per tornare in montagna e divertirsi

Quando i giovani sportivi chiamano, Outdoortest.it risponde. È così che pubblichiamo la lettera aperta di Francesca Verh, dal tono propositivo e dalle proposte concrete, che pone l’attenzione sulle esigenze dei giovani che vogliono tornare in montagna a divertirsi. Si rivolge alle stazioni sciistiche italiane, chiamate in causa per il caro Skipass, la mancanza di progetti, di idee.

Giovani e montagna: un rapporto che va assolutamente fatto rinascere
Francesca Verh
Francesca Verh

“Da diciannovenne ho notato quanti pochi coetanei si trovano sulle piste da sci. Ci sono, infatti, sempre meno ragazzi tra i 18 e i 25 anni che vanno a sciare, anche solo la domenica o nel weekend. La grande domanda che mi pongo é: Perché? Se da un lato posso effettivamente individuare dei cambiamenti che andrebbero apportati alle stazioni sciistiche, dall’altro, essendo appassionata di sci, potrei anche passare sopra a degli aspetti che, però, si dimostrano rilevanti per altri giovani. Così, per evitare un giudizio troppo personale ho rivolto la fatidica domanda ad alcuni miei coetanei. Innanzitutto, parlando sinceramente, è emerso che i costi degli Skipass si dimostrano davvero molto elevati. Una ragione per tali prezzi ci sarà: bisogna sicuramente fare manutenzione e pagare degli stipendi. Tuttavia, gli studenti, per esempio, hanno molte altre spese a cui dover far fronte: le tasse universitarie, il materiale didattico, eventuali alloggi fuori sede. Una possibile soluzione sarebbe permettere a tutti i ragazzi di utilizzare la carta IoStudio. Non si parla di sconti elevati, ma sempre meglio di niente! Inoltre, si potrebbero elaborare delle soluzioni dedicate: abbonamenti stagionali leggermente meno costosi oppure piccoli sconti cumulabili per ottenere qualche ora di sci in omaggio. Bisognerebbe anche tener conto che ai ragazzi piace divertirsi.

Servirebbero proposte che uniscano sport e musica. Sarebbe decisamente bello avere la possibilità di sciare, magari in notturna, su piste attrezzate per permettere a tutti di ascoltare buona musica. Un’altra possibilità sarebbe proporre un’alternativa alle solite discoteche: feste in alta quota dove si riesca a fare una chiacchierata tra amici e dove poter ballare. Queste sono idee per far avvicinare l’universo giovanile a quello della montagna.
Anche qualche offerta gastronomica non sarebbe una brutta idea, avrebbe il vantaggio di attirare sia sciatori che accompagnatori, portando ancora più giovani nell’ambiente e magari invogliando anche i meno sportivi a provare l’adrenalina della discesa. Problemi diversi si pongono nel momento in cui un ventenne decide di mettere gli sci ai piedi per la prima volta. Molti dei ragazzi si iscrivono alla scuola di sci per avere delle basi solide. Tuttavia, spesso, trovano le lezioni noiose, monotone, poco stimolanti. Per evitare che rinuncino da subito bisognerebbe trovare il modo di rivoluzionare il metodo di insegnamento, adattarlo all’età degli allievi: l’ideale sarebbe pensare a qualcosa che possa attirare i ventenni come il villaggio di Topolino attira i bambini. Per i più esperti, invece, l’ideale potrebbe essere organizzare iniziative che permettano di conoscere altri ragazzi, di fare gruppo e di divertirsi sulla neve. Costruttive e fonti di intrattenimento sarebbero gare amatoriali aperte al pubblico, magari con i partecipanti mascherati per assicurare risate a tutti. Allora sì che la montagna e la neve farebbero arrivare sempre più giovani, che non potranno far altro che innamorarsi e tornare in un paradiso che unisce sport e divertimento!”

La redazione di Outdoortest prende spunto dalla lettera di Francesca per chiedere a tutti i giovani appassionati di sci di inviarci i loro contributi sul tema “Giovani e montagna” con proposte e spunti di riflessione, per discutere, informare, portare alla luce gli argomenti che più vi stanno a cuore.

Altracom s.a.s. di Alfredo Tradati – via Buonarroti 77 I-20063 Cernusco s/N (MI) – P.IVA 05019050961 – info@altracom.eu

Pin It on Pinterest

Ti piace?

Condividilo con i tuoi amici!