Borse per bikepacking: come scegliere quelle giuste?

Consigli e linee guida per partire in bici con l'equipaggiamento giusto

Borse per bikepacking cicloturismo Rusjan
Sardinia Divide, avventura in MTB con borse per bikepacking
Borse per bikepacking Rusjan Borse artigianali Rusjan made in Italy Borsa per bikepacking da manubrio by Rusjan Bici maneggevole con le borse per bikepacking anche sui sentieri di montagna. Borse Rusjan Fat bike montata con le borse Rusjan Bici in perfetto stile bikepacking. Borse Rusjan Borsa sottosella Rusjan Sardinia Divide

Il mondo del ciclismo sportivo e turistico sta cambiando rapidamente. Nuove opportunità, una nuova cultura ciclistica e un mercato sempre più attento stanno contribuendo alla crescita del movimento cicloturistico italiano.

Solo fino a pochi anni fa questo modo di viaggiare era tipico dei paesi del Nord e di qualche ciclista alternativo, che preferiva vacanze low cost e magari dormire sotto ad un cielo stellato. Inutile negare che nel momento in cui si incontrava un cicloviaggiatore, carico di borse, sotto alla pioggia o nei centri storici dei paesi, sorgeva sulle labbra un sorriso di curiosità che spesso innescava il sogno di pensare “magari un giorno faccio un viaggio in bici anch’io!”.

Poi… il cambiamento: è cresciuto l’interesse per cammini spirituali e sportivi, come il Cammino di Santiago per citare il più famoso e frequentato, le Istituzioni hanno iniziato a stanziare fondi per iniziative di ciclomobilità, nuove associazioni hanno cominciato a credere nelle bici come mezzo di “spostamento” ecosostenibile e di promozione turistica, il mercato si è specializzato in prodotti sempre più tecnici e sono nati veri e propri tour e competizioni. Insomma la cultura del viaggio su due ruote ha preso forma.

Come raccontavamo nello scorso articolo sulle borse da bikepacking, per poter viaggiare e fare escursioni di più giorni in bicicletta è molto importante equipaggiarsi nella maniera giusta, essere informati e tecnicamente preparati.

In questi approfondimenti daremo consigli su come scegliere l’equipaggiamento giusto partendo appunto dalle borse. Dopo aver spiegato a grandi linee Cosa sono le borse da bikepacking e la differenza generale tra quest’ultimo e il cicloturismo in questo articolo spiegheremo quali sono i criteri di scelta delle borse per bikepacking, proponendo soluzioni, ma partendo dal presupposto che non esistono regole fisse e soprattutto bisogna conoscere le proprie esigenze.

Fondamentale è capire e scegliere la bici che si vuole usare. Se si sceglierà una MTB o una bici da strada per esempio e si vuole viaggiare leggeri e in maniera maneggevole le borse per bikepacking da montare direttamente sul telaio, non utilizzando quindi i classici portapacchi, sono la soluzione migliore e in un prossimo articolo parleremo del giusto set up della bicicletta. Contemporaneamente è molto importante conoscere e informarsi sulle misure della bici confrontandole con quelle delle borse e del volume/ingombro, per non acquistarne erroneamente di troppo piccole o troppo grandi. Sui siti dei produttori o chiedendo informazioni ai tecnici del settore non sarà difficile capire quali borse da telaio, manubrio, sottosella e borselli sono più adatte a voi.

La seconda domanda alla quale rispondere per scegliere le borse per bikepacking è “che tipo di viaggio farò?“. In base a quanti giorni infatti sarà lungo il vostro viaggio si potrà decidere quante e quali borse scegliere. Per i numerosi Trail e Divide che stanno nascendo nel nostro paese, come l’Alta Via Stage Race, l’Apulia Trail, il Tuscany Trail, il Sardinia Divide, il MY Land No Stop, il Gea Bike, l’Italy Cost 2 Coast, il Romagna Bike Trail e altri (di cui parleremo in un prossimo approfondimento), per i tour in stile Ultra Racing, avventure di più giorni, viaggi di qualche settimana, anche in autonomia, in cui si punta alla maneggevolezza della bici e alla leggerezza dell’equipaggiamento la scelta di borse per bikepaking è certamente ottimale. Per viaggi in stile cicloturistico classico, più lenti, meno tecnici o molto più lunghi si può optare tranquillamente sulle classiche borse da portapacchi laterali.

Di conseguenza è importante domandarsi “Dormirò all’aperto o in strutture ricettive?” e inoltre “Che tempo farà?“. Eh si, organizzare bene la propria avventura, per poter assaporare il viaggio, significa non lasciare nulla al caso. Decidere infatti di viaggiare in autonomia obbliga a portare con sé equipaggiamento come sacco a pelo, tenda, fornelletto, per esempio, che necessitano di borse con volumi maggiori rispetto a chi deciderà di pernottare in strutture ricettive. La capienza e il volume delle borse vanno valutati con attenzione dopo aver deciso che tipo di avventura affrontare. Con la variabile meteo il concetto non cambia. D’estate andranno bene borse con capienza inferiore oppure un numero inferiore di borse e borselli rispetto a quelle necessarie per viaggiare d’inverno o con meteo variabile e piovoso.

Ancora una volta una responsabile valutazione delle proprie esigenze e un’attenta organizzazione del viaggio influenzeranno la scelta delle giuste borse da acquistare.

 

NEWS

Postato il Categorie Domande & risposte, Le novità del mondo OutdoorTag , ,


ISPO Munich 2018
Outdoortest.it è una guida all'acquisto di attrezzatura sportiva per l'outdoor che nasce dall'esperienza di professionisti del mondo dello sport.

Iscriviti alla nostra newsletter


Hai un negozio?

Seguici su

Altracom s.a.s. di Alfredo Tradati - via Buonarroti 77 I-20063 Cernusco s/N (MI) - P.IVA 05019050961 - info@altracom.eu - note legali

Iscriviti alla nostra newsletter

Resta sempre aggiornato

Registrazione avvenuta con successo

Pin It on Pinterest

Share This