outdoortest.it GUIDA ALL'ACQUISTO DEI TUOI ATTREZZI SPORTIVI
Skimofestival
OUTDOORTEST

TORNA AL MAGAZINE

Meccanica di base per la bici gravel

Ogni appassionato di gravel bike dovrebbe sapere e poter utilizzare le nozioni della meccanica di base per facilitare la durabilità e sicurezza del mezzo. Ecco i consigli dei nostri gravel bikers Gaia e Simone

AlpineBike - Gaia e Simone Scritto il
da AlpineBike - Gaia e Simone

La bici gravel si presta moltissimo ad affrontare viaggi sulle due ruote di più giorni. In queste occasioni, la capacità di eseguire interventi di riparazione sul nostro mezzo diventa fondamentale per potercela cavare in situazioni di emergenza in cui non ci è possibile avere supporto altrui.

Ovviamente il saper mettere mano alla propria bici torna anche molto utile in uscite giornaliere per poter tornare sempre a casa senza dover chiamare ”l’ammiraglia”.

Prima di parlare di meccanica di emergenza, vogliamo dare qualche consiglio su ciò che ogni appassionato dovrebbe sempre saper fare riguardo alla meccanica di base per la bici gravel.

 

Sostituire il copertoncino

 

Meccanica Base gravel bike
Meccanica Base gravel bike -01

 

Questa operazione è sicuramente la prima che ogni ciclista deve saper effettuare. Dato che si tratta di un intervento che quasi tutti sanno fare, vi diamo solo qualche consiglio senza andare ad elencare le fasi necessarie per la sostituzione del copertoncino.

 

Meccanica Base gravel bike
Meccanica Base gravel bike -02

 

Specie nel mondo gravel, si utilizzano copertoni con un rinforzo antiforatura. Ciò rende spesso difficile farli tallonare sul cerchio. Questo significa che il posizionamento della carcassa dello pneumatico risulta non uniforme sulla circonferenza.

Facendo ruotare la ruota, ci accorgeremmo che il copertoncino ondeggia verticalmente e lateralmente. La guida risulterebbe meno comoda e poco fluida. Alcune parti del fianco del copertone, inoltre, sarebbero molto esposte con un più elevato rischio di foratura.

Per risolvere questo problema consigliamo di cospargere la spalla del copertone e la parte interna del cerchio con dell’acqua saponata: l’acqua saponata riduce il coefficiente d’attrito tra le superfici e il tallonamento dovrebbe avvenire con più facilità.

Attenzione a non utilizzare sgrassatori che potrebbero contenere sostanze non compatibili con la gomma e il materiale del cerchio: per non correre rischi, consigliamo il sapone di Marsiglia. Ripetere l’operazione anche sull’altro lato.

Un altro suggerimento, che può essere applicato dopo aver utilizzato l’acqua saponata, è quello di gonfiare al massimo i copertoni. È bene verificare la pressione massima ammissibile riportata sulla spalla del copertone, eventualmente incrementandola di 0.5 bar.

Il corretto tallonamento è riscontrabile udendo un rumore secco (“stanck”, per intendersi). Eventualmente si possono lasciare gli pneumatici gonfiati alla massima pressione per qualche ora (un’intera notte magari) per permettere che la pressione interna faccia tallonare correttamente.

 

Meccanica Base gravel bike
Meccanica Base gravel bike -03

 

Infine, in casi disperati, si possono utilizzare le pinze apposite. Queste sono delle pinze con estremità sagomate per poter pinzare i fianchi dello pneumatico e spostarlo nella posizione corretta. L’utilizzo delle pinze è comunque da evitare in quanto i rischi di rovinare copertone e cerchio sono concreti.

Altro aspetto che vale la pena sottolineare è la compatibilità del copertoncino che vogliamo montare con i nostri cerchi. Questi ultimi infatti potrebbero essere di tipo hookless, caratterizzati cioè dall’assenza del profilo di ritenzione sul fianco.

In questo caso è necessario verificare che il modello di copertoncino che intendiamo utilizzare sia costruito per essere montato su questo tipo di cerchi senza pericolo di stallonamento. Questa informazione è di solito riportata sul fianco dello pneumatico.

 

Pulizia e lubrificazione della catena con i giusti prodotti

 

Meccanica Base gravel bike
Meccanica Base gravel bike – 04

 

La catena è soggetta ad usura, cioè al progressivo consumo dei suoi componenti a causa dello sfregamento. Tale sfregamento si verifica sulle superfici di contatto in seguito alla rotazione dei perni rispetto alle bussole e al rotolamento delle bussole lungo il profilo dell’ingranaggio. L’effetto dell’usura sulla catena è il suo allungamento, che compromette il corretto accoppiamento con la ruota dentata.

La contromisura fondamentale per ritardare l’usura è la corretta manutenzione della catena attraverso una periodica pulizia e lubrificazione.

Ogni catena è esposta all’ambiente atmosferico in cui sono presenti molti elementi contaminanti quali acqua, polveri e particelle abrasive (specie nell’utilizzo off-road). Questi contaminanti si attaccano alla catena sporcandola e incrementando la velocità di usura.

È pertanto fondamentale pulire periodicamente la catena. Ogni quanto dipende dall’utilizzo che si fa della bici. Personalmente, per utilizzo su strada, puliamo la catena dopo 250 km massimo o dopo ogni singola uscita in caso di condizioni gravose quali strade polverose o presenza di acqua sul percorso.

 

La procedura che suggeriamo è la seguente:

  1. Rimozione di eventuali incrostazioni sulla trasmissione per mezzo di una spazzola a bici asciutta (spesso questa operazione non è necessaria su bdc, ma solo su mtb dopo uscite fangose). Dopo aver spazzolato, sciacquare con tubo dell’acqua; l’idropulitrice è da evitare in quanto la pressione con cui l’acqua fuoriesce può danneggiare i cuscinetti dei mozzi/movimento centrale/serie sterzo.
  2. Applicazione di detergenti appositi su pacco pignoni e catena. Esistono vari tipi di detergente: noi ci troviamo molto bene con quelli della WalBike e Muc-Off. Nafta e cherosene sono da evitare in quanto inquinanti e dannosi per i componenti della bici.
  3. Dopo aver lasciato agire il detergente per qualche minuto, passare ripetutamente uno straccio attorno alla catena e far girare i pedali all’indietro. Spazzolare anche il pacco pignoni, le corone della guarnitura e le rotelle del cambio.
  4. Sciacquare con acqua per rimuovere completamente lo sporco e il detergente.
  5. Lubrificare ogni singolo perno della catena facendo in modo da far penetrare il lubrificante all’interno delle boccole lubrificando i perni. Per ottenere un buon risultato sono da evitare gli applicatori spray in quanto disperdono molto il lubrificante sulle piastre laterali della catena facendole sporcare prematuramente. Molto meglio gli applicatori in boccetta con beccuccio per un’applicazione precisa sul punto di interesse. Durante questa operazione è di primaria importanza evitare di contaminare con il lubrificante le piste frenanti sui cerchi, i dischi, i pattini dei freni e le pastiglie.
  6. Appoggiare un dito sulla parte superiore della catena e far girare i pedali all’indietro per far penetrare al meglio il lubrificante nei perni.
  7. Rimuovere il lubrificante in eccesso passando uno straccio sulle superfici esterne della catena.
  8. Lubrificare con olio multifunzione tutti i leveraggi della trasmissione: molla di deragliatore anteriore e posteriore, assi di rotazione delle pulegge e snodo della gabbia del deragliatore posteriore.
  9. Far salire la catena dal pignone più piccolo a quello più grande e viceversa per permettere una completa penetrazione del lubrificante nei perni della catena.
  10. Attendere qualche ora prima di utilizzare la bici (vedere le indicazioni riportate sul lubrificante che si è utilizzato).

 

Un breve accenno ora alle tipologie di lubrificanti

Dry: lubrificanti non appiccicosi (quindi la polvere non sporca la catena) ma con effetto lubrificante di durata limitata e da usare in condizioni di asciutto. Un esempio è il lubrificante Muc-Off C3 Dry Ceramic Lube, costituito da nano particelle ceramiche e polimeri sintetici.

Wet: molto densi e appiccicosi (quindi la polvere sporca la catena) e indicati in condizioni di umido/bagnato poiché non soffrono di problemi di dilavamento.

 

Meccanica Base gravel bike
Meccanica Base gravel bike -05

 

Sostituzione della catena

La corretta manutenzione della catena è l’accortezza migliore per prolungarne la vita, ma l’usura è inevitabile. Dopo qualche migliaio di km l’allungamento della catena sarà tale da rovinare il pacco pignoni. È bene, quindi, cambiarla per tempo, dato che la catena costa molto meno di un pacco pignoni.

La durata in termini di km di una catena dipende da innumerevoli fattori: potenze sprigionate, condizioni di utilizzo, cura e manutenzione. È impossibile indicare un chilometraggio limite: ciò che si deve controllare è il suo allungamento. Per fare questo, è possibile utilizzare un normale calibro oppure un calibro apposito che verifica la distanza su più maglie della catena. Questo apposito calibro ha diverse tacche che corrispondono ad altrettanti allungamenti della catena. Quando si raggiunge un allungamento pari a 0.75 mm, la catena è da sostituire.

Quest’ultima operazione richiede i seguenti passaggi:

  1. Apertura della catena con l’apposito strumento: pinza per la falsamaglia se la nostra catena ne è provvista oppure smagliacatena che permette di estrarre un perno tra una maglia e l’altra.
  2. Accorciare la nuova catena in modo che il numero di maglie sia uguale a quella che stiamo per sostituire.
  3. Lavaggio della nuova catena con gli appositi prodotti in modo da eliminare il grasso protettivo con cui vengono vendute le nuove catene.
  4. Installazione della nuova catena e chiusura della falsamaglia con l’apposita pinza. Verificare che la falsamaglia sia libera di ruotare tra i perni.
  5. Lubrificazione della catena.

 

Sostituzione delle pastiglie dei freni

 

Meccanica Base gravel bike
Meccanica Base gravel bike – 06

 

I sintomi che rendono necessaria la sostituzione delle pastiglie sono i seguenti:

  1. Riduzione della prontezza della frenata: agendo sulla leva del freno, la frenata è ritardata.
  2. Comportamento ”spugnoso”: in condizioni ottimali la leva del freno ha un comportamento scattante all’inizio per poi diventare immediatamente dura continuando a tirare la leva. Quando le pastiglie sono usurate, la distanza tra ferodo e rotore aumenta, rendendo i primi millimetri di corsa della leva inefficaci e non garantendo alcuna frenata. In questo caso, è bene effettuare anche uno spurgo dell’impianto oltre che sostituire le pastiglie.
  3. Vetrificazione e contaminazione: vedi quanto descritto per le pastiglie organiche e sinterizzate.

 

Ogni casa costruttrice, infine, dichiara un valore minimo di spessore del ferodo oltre il quale è obbligatorio sostituire le pastiglie, generalmente 0.5 mm.

 

Meccanica Base gravel bike
Meccanica Base gravel bike -07

 

La procedura di sostituzione delle pastiglie richiede i seguenti attrezzi:

  • Guanti in lattice per evitare di contaminare i ferodi mentre li maneggiamo
  • Pinza o cacciavite a testa piatta per rimuovere la copiglia di sicurezza
  • Chiave a brugola oppure chiave Torx oppure cacciavite a testa piatta (a seconda del tipo di impianto che abbiamo) per rimuovere il perno di bloccaggio
  • Straccio pulito
  • Liquido per pulizia freni o alcool isopropilico
  • Cacciagomme

 

I passaggi da eseguire sono:

  1. Rimuovere lo sgancio rapido/perno passante e la ruota.
  2. Rimuovere la copiglia di sicurezza utilizzando una pinza o facendo leva con la testa piatta di un cacciavite. Alcuni produttori di pastiglie (e.g. Swisstop) utilizzano un piccolo o-ring posto sul perno di fissaggio delle pastiglie come elemento anti-svitamento: noi preferiamo sempre utilizzare perni con copiglia di sicurezza. L’affidabilità di un o-ring elastomerico nel tempo, infatti, è sicuramente inferiore rispetto ad una copiglia metallica, specie in presenza di acqua, fango e sporcizia.
  3. Svitare il perno di fissaggio delle pastiglie con una chiave a brugola/Torx o cacciavite a testa piatta a seconda del vostro sistema.
  4. Estrarre le pastiglie tirandole verso l’alto o il basso a seconda del vostro sistema.
  5. Pulire tutto il corpo freno con alcool isopropilico o disc cleaner. Se utilizzate bombolette, evitate di spruzzare direttamente contro i pistoncini, in quanto il liquido sotto pressione che esce dalla bomboletta potrebbe oltrepassare le tenute dei pistoncini contaminando l’impianto.
  6. Azzerare la corsa dei pistoni rimandandoli completamente nella loro posizione retratta utilizzando un cacciagomme in plastica. Evitare assolutamente di utilizzare cacciaviti o cacciagomme metallici in quanto potrebbero danneggiare i pistoncini. L’azzeramento della corsa permetterà di inserire più agevolmente il rotore quando si riposiziona la ruota tra ferodi nuovi che hanno uno spessore maggiore.
  7. Montare le nuove pastiglie inserendole entrambe nello stesso momento complete di molla a forchetta. Verificare che le pastiglie siano in battuta nella loro sede.
  8. Avvitare il perno di fissaggio. Non è necessaria una determinata coppia di serraggio, è sufficiente stringerle a mano senza forzare in modo eccessivo.
  9. Rimontare la copiglia di sicurezza.
  10. Rimontare la ruota e il perno passante/sgancio rapido facendo attenzione durante il primo inserimento del rotore tra i ferodi nuovi più spessi.

 

Meccanica Base gravel bike
Meccanica Base gravel bike -08

 

Pastiglie nuove richiedono solitamente di centrare la pinza freno sul disco per evitare fastidiosi strisciamenti. Questa regolazione può essere svolta seguendo questi passaggi:

  1. Allentare il corpo freno svitando le due viti di fissaggio con chiave a brugola o Torx a seconda del vostro sistema. Non svitare completamente le viti ma allentarle solamente di qualche giro in modo alternato. Il corpo del freno deve essere libero di muoversi leggermente.
  2. Azionare la leva del freno e tenerla premuta fino alla fine dello step successivo.
  3. Riavvitare le viti del corpo del freno a mano fino a che si avverte una minima resistenza senza serrare eccessivamente. Ora il corpo del freno è raddrizzato e parallelo al disco.
  4. Rilasciare la leva del freno, quindi premerla di nuovo, questa volta più dolcemente fino a che offre una minima resistenza. Mantenere la leva premuta in questa posizione fino alla fine dello step successivo.
  5. Avvitare a fondo le viti del corpo del freno in modo alternato. Ora il corpo del freno è centrato rispetto al disco. Completare il serraggio con la chiave dinamometrica applicando la coppia di serraggio prescritta dal produttore del vostro sistema frenante.
  6. Rilasciare la leva del freno e provare a far girare la ruota. Eventuali sfregamenti sono solitamente dovuti ad uno dei due pistoncini che si ritrae meno dell’altro. Ciò si risolverà durante le prime frenate della prima uscita: il disco farà da contrasto al pistone bloccato permettendo all’altro di uscire e al sistema di autocentrarsi.

Verifica delle coppie di serraggio

 

Meccanica Base gravel bike
Meccanica Base gravel bike – 09

 

Quando si stringono viti e bulloni, si applica una coppia di serraggio. È fondamentale che la coppia di serraggio applicata sia corretta, poiché se è eccessiva si rischia di rompere la vite o di danneggiare la componentistica, mentre se è troppo ridotta la giunzione non funziona a causa del gioco presente.

Il serraggio controllato può essere eseguito tramite una chiave dinamometrica. Essa permette di applicare una coppia desiderata alla vite e di prevenire il suo allentamento nel tempo, che causa un malfunzionamento della giunzione in cui è coinvolta la vite.

 

Meccanica Base gravel bike
Meccanica Base gravel bike -10

 

Nel caso della bicicletta, i fattori che possono causare un allentamento delle giunzioni sono le vibrazioni, gli urti e le sollecitazioni cicliche. Specialmente per quanto riguarda una bici gravel, le sollecitazioni sono parecchie, considerato che è una bici che viene utilizzata anche su sterrato e che, ad eccezione di qualche recente modello, non presenta una forcella ammortizzata.

Saper scegliere la giusta coppia di serraggio è fondamentale per evitare allentamenti potenzialmente molto pericolosi: basti pensare a cosa potrebbe succedere nel caso delle viti che fissano il manubrio alla pipa. Inoltre, poiché sempre più componenti ciclistici sono realizzati in materiale composito e alleggeriti al massimo, è necessario controllare la coppia di serraggio per non provocare danni a tali componenti.

Le coppie di serraggio di ogni componente montato sulla nostra bicicletta sono dichiarate nel manuale di montaggio del fornitore di tale componente. L’utilizzo di una chiave dinamometrica è quindi fondamentale per rispettare tali prescrizioni.

Un altro parametro da non trascurare assolutamente è l’eventuale lubrificazione delle superfici: anche in questo caso è fondamentale rispettare le prescrizioni del manuale di montaggio nell’applicazione o meno di paste di montaggio per evitare di applicare precarichi errati.

Di seguito una tabella riassuntiva con le coppie di serraggio dei principali componenti. Attenzione: è sempre bene controllare le coppie di serraggio sul manuale di montaggio del costruttore, le coppie qui riportate sono solo indicative.

 

Meccanica Base gravel bike
Meccanica Base gravel bike – 11


Potrebbero interessarti anche

Bici gravel vs bici da corsa

Se pensi che una gravel bike sia soltanto una bici da corsa con i copertoni da sterrato, leggi questo articolo per scoprire tutte le soluzioni tecniche che la rendono adatta allo sterrato

Altracom s.a.s. di Alfredo Tradati - via Buonarroti 77 I-20063 Cernusco s/N (MI) - P.IVA 05019050961 - info@altracom.eu - Outdoortest.it è una testata giornalistica registrata con Aut.Trib.di Milano n. 127/2020. Direttore Responsabile: Alfredo Tradati

Made by

Pin It on Pinterest