outdoortest.it GUIDA ALL'ACQUISTO DEI TUOI ATTREZZI SPORTIVI
OUTDOORTEST
Salewa Speed Beat GTX nella versione blu-arancio
Salewa Speed Beat GTX
Salewa Speed Beat GTX con il sistema 3F
Sistema 3F di Salewa
Salewa Speed Beat GTX e il sottopiede di montaggio
Sottopiede Ortholite®
Salewa Speed Beat GTX e soletta Ortholite®
Sottopiede di montaggio Ortholite®
Salewa Speed Beat GTX con suola by Pomoca®
Suola Pomoca® della Speed Beat GTX

Salewa Speed Beat GTX Calzatura Speed Hiking 2019

Comoda, altamente performante e sicura grazie al battistrada Pomoca®

Sintesi

La Salewa Speed Beat GTX, come dal nome, è una calzatura da speed hiking ideata per chi ama la velocità e dinamicità su ogni tipo di terreno, in salita o discesa, ma senza rinunciare al sostegno e alla protezione del piede.

La Speed Beat GTX di Salewa è una calzatura da Speed Hiking che si propone di offrire stabilità e protezione ma senza trascurare leggerezza e comodità che sono gli ingredienti principali per godere al massimo di ogni escursione.

Esteticamente ricorda molto una scarpa da Trail Running, nessuno ci vieta di pensare che possa comportarsi altrettanto bene come calzatura da corsa in montagna e non solo per camminarci.

La Speed Beat GTX è stata realizzata associando una suola decisamente strutturata con una tomaia, al contrario, meno “costruita”.

La suola, partendo dal battistrada by Pomoca® che rappresenta la principale “novità”, è il frutto di diversi studi biomeccanici e dei materiali: il disegno stesso della suola (lateralmente) e del battistrada (inferiormente) dimostra che nella progettazione di questa calzatura si è data la massima attenzione al naturale comportamento del nostro piede durante il cammino.

La torsione di cui è capace la suola della Speed Beat (al test manuale) è infatti maggiore in supinazione rispetto a quella in pronazione dell’avampiede. Questa particolarità è riconoscibile osservando gli inserti e le linee di forza della suola ma soprattutto indossandola.

Sul profilo laterale della Speed Beat GTX si riconoscono due terzi di suola anteriore, in cui è maggiore la flessibilità, e un terzo posteriore in cui il maggior spessore della suola e i rinforzi laterali sono ben evidenti.

Indossare la Speed Beat di Salewa è piuttosto facile: la prima sensazione per il mio piede (che solitamente ha una vestibilità normale, a pianta relativamente larga 102mm) è stata quella di una contenzione laterale quasi eccessiva a livello del retropiede (sotto la caviglia ma non al calcagno per intenderci). Non spaventatevi perché dopo qualche passo e qualche minuto quella sensazione svanisce del tutto: comodità e stabilità diventano in assoluto le principali sensazioni “a caldo” per questa calzatura.

L’allacciatura della Salewa Speed Beat è classica: le stringhe in dotazione nella confezione originale sono piuttosto minimal/sottili e piacevolmente morbide al tatto. Alla tradizionale chiusura a lacci, Salewa ha riproposto il sistema di contenzione 3F: tre fettucce laterali al calcagno sono messe in tensione direttamente dai lacci connettendolo così al collo del piede. I passanti in punta alla scarpa sono ricavati direttamente nella tomaia e attraversando una piccola ghetta esterna a protezione dai detriti e dall’umidità, mentre gli ultimi passanti a livello della caviglia sono in plastica e offrono il passaggio sia ai lacci da una parte, sia alle fettucce del sistema 3F dall’altra parte.

Dando uno sguardo internamente alla Speed Beat GTX, come dal suo nome, riconosciamo la tipica fodera che richiama la presenza della membrana in Gore-Tex®: la membrana si estende a tutta la tomaia ma non alla linguetta, a protezione di questa infatti è stata posta una piccola ghetta esterna e la linguetta stessa è collegata direttamente al resto della tomaia dalle tipiche alette laterali cui siamo abituati a vedere ormai in tutte le calzature da montagna.

A livello del colletto della scarpa c’è un’imbottitura che rende la calzata ancor più confortevole nonostante la tomaia a livello del calcagno presenti inserti in TPU di rinforzo.

La Tomaia, come accennato sopra, è solo in parte “morbida e destrutturata” perché nella parte più inferiore vicina alla suola presenta dei rinforzi in TPU riconoscibili esteticamente ma apprezzabili veramente solo manualmente, calzando la scarpa non sono fastidiosi e non limitano la libertà di movimento del piede.

 

Riccardo Pizzetti, fisioterapista

Testato da:

Riccardo Pizzetti

il 02/10/2018 a Dolomiti Paganella

88/100

Risultati

Calzata
Efficacia della rullata
Grip battistrada
Sensibilità suola
Protezione
Stabilità in cammino
Peso
Traspirabilità
Voto totale 88
Dati test
Data inizio : 02/10/2018 Data fine : 04/11/2018
Campo test : Sentieri di montagna
Condizioni neve : Assente
Descrizione terreno : Sentiero battuto, prati erbosi bagnati, roccia umida, sottobosco
Meteo : Soleggiato, Piovoso Temperatura aria : 10° - 18°
Scopri di più sulle nostre recensioni

Scheda tecnica

Sottopiede di montaggio
Ortholite®
Peso (gr)
350
Battistrada
Pomoca®
Fodera interna
Gore-Tex®
Misure disponibili
39-48,5

Le nostre valutazioni

Salewa Speed Beat GTX  è una calzatura da Speed Hiking che si propone di offrire stabilità e protezione ma senza trascurare leggerezza e comodità che sono gli ingredienti principali per godere al massimo di ogni escursione.

Esteticamente ricorda molto una scarpa da Trail Running, nessuno ci vieta di pensare che possa comportarsi altrettanto bene come calzatura da corsa in montagna e non solo per camminarci.

Salewa Speed Beat GTX è stata realizzata associando una suola decisamente strutturata con una tomaia, al contrario, meno “costruita”.

La suola, partendo dal battistrada by Pomoca® che rappresenta la principale “novità”, è il frutto di diversi studi biomeccanici e dei materiali: il disegno stesso della suola (lateralmente) e del battistrada (inferiormente) dimostra che nella progettazione di questa calzatura si è data la massima attenzione al naturale comportamento del nostro piede durante il cammino.

La torsione di cui è capace la suola della Salewa Speed Beat GTX (al test manuale) è infatti maggiore in supinazione rispetto a quella in pronazione dell’avampiede. Questa particolarità è riconoscibile osservando gli inserti e le linee di forza della suola ma soprattutto indossandola.

Sul profilo laterale della Salewa Speed Beat GTX si riconoscono due terzi di suola anteriore, in cui è maggiore la flessibilità, e un terzo posteriore in cui il maggior spessore della suola e i rinforzi laterali sono ben evidenti.

Indossare la Speed Beat GTX di Salewa è piuttosto facile: la prima sensazione per il mio piede (che solitamente ha una vestibilità normale, a pianta relativamente larga 102mm) è stata quella di una contenzione laterale quasi eccessiva a livello del retropiede (sotto la caviglia ma non al calcagno per intenderci). Non spaventatevi perché dopo qualche passo e qualche minuto quella sensazione svanisce del tutto: comodità e stabilità diventano in assoluto le principali sensazioni “a caldo” per questa calzatura.

L’allacciatura della Salewa Speed Beat GTX è classica: le stringhe in dotazione nella confezione originale sono piuttosto minimal/sottili e piacevolmente morbide al tatto. Alla tradizionale chiusura a lacci, Salewa ha riproposto il sistema di contenzione 3F: tre fettucce laterali al calcagno sono messe in tensione direttamente dai lacci connettendolo così al collo del piede. I passanti in punta alla scarpa sono ricavati direttamente nella tomaia e attraversando una piccola ghetta esterna a protezione dai detriti e dall’umidità, mentre gli ultimi passanti a livello della caviglia sono in plastica e offrono il passaggio sia ai lacci da una parte, sia alle fettucce del sistema 3F dall’altra parte.

Dando uno sguardo internamente alla Salewa Speed Beat GTX, come dal suo nome, riconosciamo la tipica fodera che richiama la presenza della membrana in Gore-Tex®: la membrana si estende a tutta la tomaia ma non alla linguetta, a protezione di questa infatti è stata posta una piccola ghetta esterna e la linguetta stessa è collegata direttamente al resto della tomaia dalle tipiche alette laterali cui siamo abituati a vedere ormai in tutte le calzature da montagna.

A livello del colletto della scarpa c’è un’imbottitura che rende la calzata ancor più confortevole nonostante la tomaia a livello del calcagno presenti inserti in TPU di rinforzo.

La Tomaia, come accennato sopra, è solo in parte “morbida e destrutturata” perché nella parte più inferiore vicina alla suola presenta dei rinforzi in TPU riconoscibili esteticamente ma apprezzabili veramente solo manualmente, calzando la scarpa non sono fastidiosi e non limitano la libertà di movimento del piede.

Per condurre i test della scarpa Salewa Speed Beat GTX è stato necessario ricercare svariate condizioni meteo e innumerevoli tipologie di terreno: tutto ciò è dovuto al fatto che questa calzatura da escursionismo è versatile e in grado di affrontare ogni sentiero.

La suola realizzata da Pomoca® è stata una piacevole rivelazione: offre un buon grip anche su roccia umida, e su legno e radici bagnate ha saputo dare dimostrazione di modesta stabilità e sicurezza. Il merito va sicuramente alla mescola particolarmente morbida.

A differenza della prova in negozio, visto il grado di supporto e la struttura di questa scarpa, devo dire che lo Speed hiking e il Trekking sono le destinazioni più indicate mentre per il trail running la Salewa Speed Beat GTX risulta essere troppo “pesante” e strutturata.

Nelle prove specifiche di Speed hiking, ovvero di camminata veloce sia in salita che discesa, la Speed Beat si è comportata egregiamente: offre un buon senso di protezione grazie alla suola strutturata e alla tomaia rinforzata, la suola contribuisce ad aumentare il senso di sicurezza e infine il suo peso ridotto – se paragonato alle calzature da trekking – favorisce l’agilità necessaria a non affaticare il passo e coprire tranquillamente anche lunghe distanze.

Il sistema di allacciatura minimal si è rivelato essere funzionale: i lacci non cedono anche dopo diverse ore di camminata.

Data la presenza della membrana in GORE-TEX® è stato indispensabile testare i due principali parametri che contraddistinguono questa tecnologia: l’impermeabilità e la traspirabilità.

Per quanto riguarda l’impermeabilità è stato divertente camminare in prati con erba alta e bassa ma rigorosamente bagnata, attraversare ruscelli e pozzanghere arrivando con il livello dell’acqua, ovviamente, al di sotto della caviglia. Il risultato è stato ottimo: il piede è rimasto completamente asciutto anche dopo una lunga esposizione (>1 ora complessivamente).

Per quanto riguarda la capacità di traspirare il calore e l’umidità interna, la Salewa Speed Beat GTX è stata indossata per diversi trekking della durata media di 5-6h (durata complessiva) e in altre occasioni anche per più di 10h consecutive in ambiente chiuso con delle calze tecniche, leggere e dal minimo spessore: il risultato è stato positivo, con un minimo livello di umidità ma senza avere il piede sudato o bagnato. A tal proposito è bene precisare che solitamente non ho una sudorazione elevata a livello dei piedi ma con la Speed Beat di Salewa non ho sofferto neanche il surriscaldamento del piede. Certamente non si deve pensare che sia una scarpa estiva e arieggiata visto il grado di protezione che deve offrire: è ideale per le giornate simil-estive che ci troviamo a dover affrontare sempre più spesso in primavera e autunno. Sostanzialmente è una scarpa da usare 3 stagioni su 4, se non addirittura 4 su 4 per i meno freddolosi.

LEGGI TUTTO
Salewa Speed Beat GTX testata sulle Dolomiti di Brenta Flessibilità e rigidità della Salewa Speed Beat GTX Salewa Speed Beat GTX dopo camminata in prati ad erba lunga umida Salewa Speed Beat GTX

Destinazione e consigli d'uso

Consiglio la Salewa Speed Beat GTX a chi cerca una scarpa leggera e versatile, capace di dare un ottimo grado di sostegno e protezione durante la camminata.

Vista la costruzione con membrana GORE-TEX® è una calzatura da usare in condizioni meteo incerte, ma non solo. Si comporta perfettamente in quelle giornate di mezza-stagione in cui potremmo incontrare sia caldo che freddo e acqua nel corso della stessa escursione.

La costruzione della suola e la sua “biomeccanica” sono ben ponderate: sicuramente è una scarpa che consiglierei anche a chi ha un peso importante o necessita di un buon sostegno del piede.

LEGGI TUTTO
Marca Salewa
Ingrediente Gore-Tex®
Modello:Speed Beat GTX
Attività:Speed hiking, Hiking, Trail running, Trekking
Utilizzatore:

Esperto

 

Tutti

 

Amatore

 
Anno:2019
Prezzo:170 €
Tecnologie

Dice l'azienda

Le Speed Beat GTX hanno una robusta tomaia in tessuto con interno in GORE-TEX® impermeabile e traspirante che mantiene i piedi asciutti in qualunque condizione atmosferica.
La suola Pomoca per speed hiking fornisce aderenza e trazione affidabili negli spostamenti rapidi sui percorsi alpini durante lo speed hiking o l’allenamento alpino.
Il battistrada ha un design aggressivo con scanalature che lo rendono ottimale in un’ampia gamma di condizioni differenti, mentre l’area di scivolamento S-Path favorisce il contatto del tallone e lo stacco dell’avampiede.
Il comprovato sistema SALEWA® 3F mette in comunicazione la zona del collo del piede con la suola e il tallone, in modo da assicurare flessibilità, calzata precisa e sostegno.
I rivestimenti in TPU sul tallone e i rinforzi laterali aumentano il livello di protezione complessivo. Nelle condizioni meteorologiche più umide, le Speed Beat hanno anche una ghetta elasticizzata che evita l’ingresso dei detriti e consente di mettere da parte i lacci, mentre il plantare Ortholite® garantisce una traspirazione ottimale.

Testato a:
Dolomiti Paganella

Scopri di più

Prodotti Correlati

Potrebbero interessarti anche

Altracom s.a.s. di Alfredo Tradati – via Buonarroti 77 I-20063 Cernusco s/N (MI) – P.IVA 05019050961 – info@altracom.eu

Pin It on Pinterest

Ti piace?

Condividilo con i tuoi amici!